Diario di Viaggio

Colazione con Peter

Postato il Aggiornato il

Ha 75 anni e dalla Bassa Sassonia è venuto a farsi l’Alta Via del Monti Liguri da solo, con zaino, bastone e una camicia stirata come se dovesse andare in ufficio. Grandi i tedeschi!

Annunci

L’Aveto, il lato wild della Liguria

Postato il Aggiornato il

E’ un fiume selvatico e ambiguo l’Aveto. Che a Cabanne attraversa un lago che non c’è più e scorre contro ogni logica verso l’Adriatico fra massi giganteschi e canyon attorno a cui l’acqua schiuma saltellando. Del resto l’Appennino qua fra Liguria ed Emilia è una casa degli specchi, una commedia degli inganni in cui non riesci mai a riprendere il filo….

Con Giuseppe, il resistente sul ponte della Resistenza

Postato il Aggiornato il

Incontri per caso Giuseppe Raggi, che ti porta al ponte sul Borbera dove si svolse una delle più sanguinose battaglie partigiane di queste parti. Poi ti racconta della sua resistenza contro una distesa di pale eoliche, ad esempio. O della battaglia per tornare a far coltivare la terra incolta con le associazioni fondiarie

20130922-100759.jpg

Dove comincia l’Appennino

Postato il Aggiornato il

00. Giorno 1. Passo Giovi. 472 m slm..
L’Appennino comincia davanti a un bar malinconico, dove mettono a fare caffè al suono metallico e isterico di due slot piazzate nella stanza accanto. Fuori, sulla statale che scende a Genova, una ragazza aspetta la corriera. Un altra stende panni al balcone sotto un’enorme bandiera rossoblù. Il silenzio è rotto da qualche motociclista che lavora di frizione prima della discesa. Ma non si ferma. I Giovi, da tempo non sono più la gita fuori porta dei genovesi. Il torpore del mezzogiorno riscalda le lamiere di tante serrande abbassate
L’Appennino comincia davanti a un bar malinconico, dove mettono a fare caffè al suono metallico e isterico di due slot piazzate nella stanza accanto. Fuori, sulla statale che scende a Genova, una ragazza aspetta la corriera. Un altra stende panni al balcone sotto un’enorme bandiera rossoblù. Il silenzio è rotto da qualche motociclista che lavora di frizione prima della discesa. Ma non si ferma. I Giovi, da tempo non sono più la gita fuori porta dei genovesi. Il torpore del mezzogiorno riscalda le lamiere di tante serrande abbassate

Sogni a piedi nudi

Postato il Aggiornato il

Una bicicletta supersonica per affrontare l’appennino. Il sogno è durato lo spazio di qualche settimana, poi gli elettroni si sono arresi alla pioggia. Così Appenninia non sarà trainata da un motore elettrico, ma da un più operaio motore a scoppio. Una cosa però è certa: le ruote saranno solo due. E i sogni camminano anche coi piedi nudi.

La mappa del viaggio

Postato il Aggiornato il

C’è una terra di mezzo che cuce il Paese in due. Un crinale che si srotola raccontando storie e ponendoci domande. Ad esempio come frenare l’emorragia di persone e risorse che da mezzo secolo minaccia la sopravvivenza stessa di pezzi di territorio. Ma l’Appennino, da duemila e cinquecento anni è luogo di “resistenze”: contro romani, saraceni, nazifascisti. Il posto in cui inventarsi un piano B, contrattaccare e ripartire. E allora oggi potrebbe essere un laboratorio per sperimentare nuovi stili di vita e forme di convivenza. Per resistere, ancora una volta. E ricominciare. L’idea del viaggio nasce da qua.
Sono circa 2.200 km lungo lo spartiacque appenninico, da Passo Giovi a Melito di Porto Salvo. Da fare con un mezzo ecologico e, soprattutto, lento. Al link sotto, si puô vedere l’itinerario approssimativo.
https://mapsengine.google.com/map/viewer?mid=zEipwGZ-oM2s.k0q7lgJb3hlI&hl=it